Navigation – Plan du site
Réception critique

«Sempre così sperduta ai margini della vita reale…»

Antonia Pozzi nel cuore dell’anima di Gustave Flaubert
Chiara Pasetti

Résumés

Cette étude porte sur le mémoire de Maîtrise en philosophie de la poétesse Antonia Pozzi (1912-1938), dédié à la formation littéraire de Gustave Flaubert. Publié à titre posthume, comme toutes les poésies et les écrits de Pozzi, le texte a été réédité en 2013 par Matteo Mario Vecchio sous son titre original : Flaubert negli anni della sua formazione letteraria (1830-1856). C’est une étude remarquable pour comprendre non seulement les écrits de jeunesse de Flaubert mais aussi sa poétique et ses théories. Pozzi est la première en Italie à s’être occupée des écrits de jeunesse de Flaubert, qu’elle analyse dans le détail de ses influences littéraires et philosophiques, ses thématiques et son style. Pozzi en souligne la valeur intrinsèque et établit un lien éclairant entre ces œuvres et les chefs-d’œuvre de la maturité. On montrera l’originalité du travail de Pozzi, qui reste encore aujourd’hui digne d’être mentionné parmi les critiques flaubertiennes les plus importantes du XXe siècle.

Haut de page

Texte intégral

Antonia Pozzi, Villa Pozzi, Pasturo, agosto 1935Afficher l’image
Crédits : Centro Internazionale Insubrico dell’Università degli Studi dell’Insubria di Varese

Da «una vita sognata» a «una vita irrimediabile»: brevi cenni biografici

  • 1 Discussa nel novembre del 1935, la tesi di laurea di Antonia Pozzi sarà pubblicata col titolo Flaub (...)
  • 2 Il manoscritto originale a matita della tesi, molto tormentato e denso di correzioni e ripensamenti (...)

1Antonia Pozzi, nel 1935, ha dedicato la sua tesi di laurea agli scritti giovanili di Gustave Flaubert: Flaubert negli anni della sua formazione letteraria, pubblicata postuma, nel 1940, per volere del padre1, e ripubblicata nel 2013 a cura di Matteo Mario Vecchio in un’edizione critica che ha restituito il testo nella sua versione originale2.

  • 3 Si veda a questo proposito Hélène Leroy, «Antonia Pozzi, une biographie intellectuelle», dans Les f (...)

2Prima di entrare nel vivo di questo contributo, che sarà centrato sulla capacità della Pozzi a cogliere, attraverso l’analisi dei testi giovanili di Flaubert, il fulcro creativo ed estetico della sua anima e della sua arte, anticipando le tesi successive della critica flaubertiana, ci pare importante ricordare alcuni dati della biografia anche intellettuale di Antonia Pozzi3, che possono aiutare a comprendere maggiormente i motivi che la spinsero a occuparsi dell’autore di Madame Bovary per la sua tesi di laurea.

  • 4 Inserita all’interno dell’edizione completa delle poesie di Antonia Pozzi, Parole, a cura di Alessa (...)
  • 5 Vittorio Sereni, «Senso di un’esperienza», presentazione a Corrente di vita giovanile (1938-1940), (...)
  • 6 Dino Formaggio, che come Antonia Pozzi fu allievo di Banfi, scrive che «lo si sarebbe potuto anche (...)
  • 7 Lettera a Vittorio Sereni, 13 agosto 1935. Pozzi, L’età delle parole è finita. Lettere 1923-1938, a (...)

3Antonia Pozzi nasce a Milano nel 1912. I genitori sono il noto avvocato milanese Roberto Pozzi e la contessa Lina, figlia del conte Antonio Cavagna Sangiuliani di Gualdana e di Maria Gramignola, donna sensibile e vivace, nipote dello scrittore e intellettuale Tommaso Grossi. Cresce, dunque, in un ambiente colto e raffinato, al quale non mancano agi e comodità che Antonia sentirà sempre come un limite al suo desiderio di essenzialità, l’imposizione di un rigore formale che la sua anima libera e indipendente non riuscirà mai a comprendere e tollerare. Compie i suoi studi presso il Liceo Manzoni, dove conoscerà Antonio Maria Cervi, il professore di latino e greco che segnerà per sempre la sua vita, nutrendo il suo giovane cuore assetato di emozioni, di aspettative e successive delusioni troppo violente da accettare. I due vivranno un amore sofferto e fortemente contrastato dalla famiglia Pozzi, e la fine di questa relazione sarà per Antonia la fine della «vita sognata», come recita il titolo della breve raccolta di versi4 in cui racconta la sua disperata storia d’amore, e l’inizio della discesa verso una «vita irrimediabile», il primo passo verso il fatale destino della sua «giovinezza che non trova scampo», o meglio, come scrive Vittorio Sereni, «che non trova sbocco, non trova appigli, non sa a cosa applicarsi e a cosa tendere»5. Si iscrive alla facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università Statale di Milano, allora chiamata Regia Università degli Studi di Milano, dove sarà amica e compagna di alcuni fra gli intellettuali, poeti e filosofi più brillanti del secolo scorso. Sereni, Cantoni, Formaggio, Paci, Anceschi, i fratelli Treves, Daria Menicanti, anch’ella poetessa, sono solo alcune delle personalità con cui Antonia entrerà in contatto e con cui stringerà rapporti emotivamente molto coinvolgenti. Insieme, fuori dalle aule universitarie e nei caffè di piazza sant’Alessandro, discutono di Kierkegaard, Marx, Nietzsche, Dostoevskij, Rilke, Huxley, Mann, di una cultura che conduce alla riflessione di morte, dell’inadeguatezza, della solitudine, e delle verità del mondo attraverso la crisi che ne ribalta i valori. La guerra incombe sull’Europa, il fascismo mostra tutta la sua spietatezza e vara le leggi sulla censura e sulla razza, costringendo molti amici di Antonia all’esilio. Pozzi e Sereni si fanno interpreti, nella loro poesia, di quello stato di diffusa minaccia, di angoscia esistenziale e di bisogno di fuga nell’incanto amoroso che costituiva la vita di un giovane intellettuale dell’anteguerra. E Antonia ha un sensuale ardore di vita, che si coglie in ogni sua poesia e anche in ogni sua fotografia, passione successiva alla prima, ma non meno intensa: anche questa modalità creativa ed espressiva è rivelatrice della sua anima inquieta, vibrante, romantica, affetta da una saturnina malinconia, inesorabilmente votata al naufragio, ma che non perderà mai il dominio intellettuale, la fierezza del pensiero, la nobiltà di una riflessione che la condurrà a oltrepassare il limite. La studentessa frequenta le lezioni di docenti di spicco, tra i quali Borgese, Errante, Castiglioni, Terracini, Martinetti, Barié, e soprattutto Banfi, docente di Storia della filosofia ed Estetica. La figura di Banfi, secondo le parole di Dino Formaggio «maestro di alto insegnamento filosofico ed etico»6, per molti aspetti figura controversa e sulla quale si è scritto molto, è senz’altro decisiva nella formazione umana e intellettuale della giovane poetessa, che ascolta le sue lezioni, in particolare quelle su Nietzsche, con crescente interesse, prendendo appunti e talvolta commuovendosi. Antonio Banfi più di ogni altro diffonde i principi di una cultura libera e antidogmatica, arrivando a una filosofia della vita e dell’esperienza che non è «insegnare a morire», come voleva Montaigne, ma appartenere alla morte e alla vita con un atto di continua e sempre incompiuta ricerca. Una vita più che vita, che va verso la forma dell’arte, di cui Antonia sente tutto il dissidio nel personaggio del Tonio Kröger di Mann (significativo che spesso, nelle sue lettere, parli di sé definendosi «Tonia Kröger»). Il rapporto tra arte e vita è al centro delle meditazioni della Pozzi di questi anni, che si riflettono anche nelle sue parole poetiche. E proprio al professor Banfi Pozzi chiede la tesi di laurea, nella quale si occuperà della formazione letteraria di Flaubert dagli scritti giovanili fino agli anni della Bovary. Continua a scrivere poesie, nonostante affermi in una lettera a Sereni del 1935, l’anno della discussione della sua tesi, che «forse — chissà — l’età delle parole è finita per sempre»7, ma sente crescere dentro di sé un senso di scacco non più universale ma personale. Le lettere e le poesie degli ultimi mesi della sua vita hanno tutte il rumore sordo, confuso ma atroce della tragedia imminente. Impossibile, per un’anima assetata di assoluto, per usare le parole di Baudelaire, di fronte al fallimento di una vita sempre e soltanto sognata, resistere al richiamo pietoso dell’ombra. Antonia Pozzi muore suicida il 3 dicembre 1938, a ventisei anni, dopo aver trascorso una notte in coma per aver assunto dei barbiturici ed essersi sdraiata in mezzo a un prato gelato attiguo all’Abbazia di Chiaravalle.

  • 8 Citato da Matteo Mario Vecchio nell’introduzione a Pozzi, Flaubert negli anni della sua formazione (...)

4Prima di morire lascia tre biglietti: uno, brevissimo, per Sereni, scritto su un foglio dove aveva precedentemente trascritto una poesia dell’amico intitolata «Diana». Gli scrive «addio Vittorio, caro — mio caro fratello, ti ricorderai di me»8, un altro per Dino Formaggio, nel quale Antonia ricorda una gita proprio a Chiaravalle compiuta insieme a lui nel mese di giugno, e il proprio «volto» di quel giorno, e un terzo per i genitori, datato primo dicembre, che è stato distrutto e ricostruito a memoria dal padre. Le parole di Antonia ai genitori in questo biglietto-testamento, nella loro infinita disperazione ed enigmaticità, contengono tutto il senso della sua esperienza di vita, e anche di morte:

  • 9 1 dicembre 1938. Pozzi, «Testamento», in L’età delle parole è finita, op. cit., p. 271-272.

Papà e mamma, carissimi, non mai tanto cari come oggi, voi dovete pensare che questo è il meglio. Ho tanto sofferto. Deve essere qualcosa di nascosto nella mia natura, un male dei nervi che mi toglie ogni forza di resistenza e mi impedisce di vedere equilibrate le cose della vita. Ciò che mi è mancato è stato un affetto fermo, costante, fedele, che diventasse lo scopo e riempisse tutta la mia vita. Anche i miei bambini, che l’anno scorso bastavano, ora non bastano più. I loro occhi che mi guardano mi fanno piangere.
Fa parte di questa disperazione mortale anche la crudele oppressione che si esercita sulle nostre giovinezze sfiorite.
Direte alla Nena [la nonna] che è stato un male improvviso, e che l’aspetto.
Desidero di essere sepolta a Pasturo, sotto un masso della Grigna, fra cespi di rododendro. Mi ritroverete in tutti i fossi che ho tanto amato. E non piangete, perché ora io sono in pace. La vostra Antonia
9.

5In una lettera a Remo Cantoni scritta il 19 giugno del 1935, l’anno in cui si laurea, da Pasturo, si legge una frase che richiama le tragiche parole del biglietto-testamento ai genitori:

  • 10 Pozzi, L’età delle parole è finita, op. cit., p. 190-191.

Sempre così sperduta ai margini della vita reale: difficilmente la vita reale mi avrà e se mi avrà sarà la fine di tutto quello che c’è di meno banale in me10.

6Due anni prima, a Tullio Gadenz, suo amico e poeta, affidava una dichiarazione d’amore e di intenti nei confronti del suo essere poeta:

  • 11 29 gennaio 1933, ibid., p. 132.

Perché non per astratto ragionamento, ma per un’esperienza che brucia attraverso tutta la mia vita, per una adesione innata, irrevocabile, del più profondo essere, io credo, Tullio, alla poesia. E vivo della poesia come le vene vivono del sangue11.

7Riecheggia qui anche l’incipit della poesia «Sgorgo»:

  • 12 Pozzi, «Sgorgo», in Parole, op. cit., p. 215.

Per troppa vita che ho nel sangue/tremo/nel vasto inverno. /E all’improvviso,/ come per una fonte che si scioglie/ nella steppa,/ una ferita che nel sonno/ si riapre,/ perdutamente nascono pensieri/ nel deserto castello della notte12.

8Risuonano, traboccano, sgorgano, le parole vita e poesia, troppe, nel sangue e nelle vene di Antonia.

9I funerali si svolgono il 5 dicembre presso la Chiesa di San Pietro in Sala, a Milano, nella quale il 20 maggio di tre anni prima erano state celebrate le esequie di Gianni Manzi, un poeta amico e compagno della stessa Antonia. Il giorno 6 dicembre si svolgono i funerali anche a Pasturo, dove verrà sepolta.

Antonia Pozzi e gli scritti giovanili di Gustave Flaubert

  • 13 Concetto illustrato mirabilmente da Fulvio Papi, Vita e filosofia, la scuola di Milano: Banfi, Cant (...)
  • 14 Moltissime le monografie e le biografie che prendono in esame questo aspetto. Tra i tanti, i fondam (...)

10Dopo questa premessa, funzionale per richiamare seppur velocemente la figura e la personalità di Antonia Pozzi, da cui non è possibile prescindere quando ci si accosta a un qualsiasi suo scritto, poiché l’intreccio fra Geist e Leben13 fu in lei assolutamente inscindibile, giungiamo alla sua tesi di laurea su Flaubert. Non stupisce che Antonia avesse scelto Flaubert come oggetto di studio per la sua tesi. Forse più di qualsiasi altro autore Flaubert aveva fatto della scrittura, della letteratura, la sua ragione di vita14. E come Flaubert, anche Antonia vedeva nell’arte lo scopo e il valore di tutta un’esistenza. Tra i tantissimi passi di Flaubert in cui egli discute del ruolo che aveva nella sua vita la letteratura, della necessità e dell’urgenza di scrivere (si definiva un homme-plume, e parlava dell’inchiostro come del suo «elemento naturale»), ne abbiamo scelti due, che si ritengono emblematici ai fini della nostra riflessione sull’analisi condotta da Antonia Pozzi sui testi giovanili di Flaubert.

11Nel 1846, dieci anni prima di Madame Bovary, scrive a Louise Colet:

  • 15 Lettera del 7 ottobre 1846. Flaubert, Correspondance, t. I-V., éd. Jean Bruneau (e Yvan Leclerc per (...)

Moi je suis l’obscur et patient pêcheur de perles qui plonge dans les bas-fonds et qui revient les mains vides et la face bleuie. Une attraction fatale m’attire dans les abîmes de la pensée, au fond de ces gouffres intérieurs qui ne tarissent jamais pour les forts. Je passerai ma vie à regarder l’océan de l’art où les autres naviguent ou combattent et je m’amuserai parfois à aller chercher au fond de l’eau des coquilles vertes ou jaunes dont personne ne voudra. Aussi je les garderai pour moi et j’en tapisserai ma cabane15.

12A quell’epoca Flaubert non aveva ancora scoperto del tutto i doni, le splendide conchiglie per rimanere nell’immagine, che aveva in sé e che gli avrebbero consentito di diventare uno dei più grandi maestri dell’Ottocento francese. Durante la composizione di Madame Bovary, più consapevole delle sue armi, delle perle che aveva in sé e che scendendo, come scrive, nei fondali, avrebbe potuto trovare, raccogliere e mostrare al mondo, scrive sempre a Louise Colet il 25 giugno 1853:

  • 16 Flaubert, Correspondance, op. cit., t. II, p. 362 (corsivo nel testo).

L’artiste doit tout élever; il est comme une pompe, il a en lui un grand tuyau qui descend aux entrailles des choses, dans les couches profondes. Il aspire et fait jaillir au soleil en gerbes géantes ce qui était plat sous terre et ce qu’on ne voyait pas16.

  • 17 Si era servita dell’edizione Correspondance. Nouvelle édition augmentée, 8 voll., Conard, Paris 192 (...)
  • 18 Cf. l’importante studio di Liana Nissim, il solo finora che analizza la tesi della Pozzi sotto il p (...)
  • 19 Pozzi, Flaubert negli anni della sua formazione letteraria, op. cit., p. 10.

13Antonia Pozzi conosceva queste lettere, aveva letto tutta la corrispondenza di Flaubert17, e ne aveva tratto importantissimi insegnamenti umani e letterari. Nella sua tesi di laurea le citazioni alla Correspondance sono continue e sempre puntuali. Non solo: Antonia Pozzi — e di questo soltanto uno studioso di Flaubert può rendersi conto — utilizza le frasi di Flaubert talvolta senza neppure aprire le virgolette, e questo perché ha talmente interiorizzato il suo pensiero, comprendendolo e spesso condividendolo nel profondo, che i piani si confondono, e non si distingue più se chi scrive è l’oggetto studiato o il soggetto che studia. Questo crea un intreccio di punti di vista estremamente intrigante, di cui solo un’indagine accurata può rendere ragione18. E, dato non trascurabile, la poetessa legge tutta la Correspondance in francese, e traduce lei stessa i passi che intende citare, non trovando, nella traduzione italiana di allora dell’Angioletti, il suo modo «d’intendere alcune espressioni flaubertiane», e verificando, a ragione, che quella traduzione era «in parte mancante di molti passi»19 da lei riferiti.

  • 20 Ibid., p. 23.

14L’anima di Flaubert, ossia «la facoltà di sogno e la facoltà di ironia»20, per usare sempre le parole della Pozzi, sono evidenziate e analizzate a partire dall’infanzia dell’autore.

15All’età di dieci anni, con una grafia ancora incerta e qualche errore di grammatica, Flaubert scrive all’amico d’infanzia Ernest Chevalier:

  • 21 Lettera del 1 gennaio 1831. Flaubert, Correspondance, op. cit., t. I, p. 4. Si rispetta qui la gram (...)

Si tu veux nous associers pour écrire moi, j’écrirait des comédie et toi tu écriras tes rêves, et comme il y a une dame qui vient chez papa et qui nous contes toujours de bêtises je les écrirait21.

16Il suo desiderio più forte era quello di scrivere sogni e commedie, di riferire le «bêtises» raccontate da una paziente del padre medico. Questa frase ci rivela come fin dalla più giovane età vi fosse in Flaubert una duplice tendenza, che meglio di chiunque altro è lui stesso a analizzare e svelare. Scrive infatti durante la composizione di Madame Bovary:

  • 22 Lettera a Louise Colet del 16 gennaio 1852. Ibid., t. II, p. 30. Corsivo nel testo.

Il y a en moi, littérairement parlant, deux bonshommes distincts: un qui est épris de gueulades, de lyrisme, de grands vols d’aigle, de toutes les sonorités de la phrase et des sommets de l’idée; un autre qui fouille et creuse le vrai tant qu’il peut, qui aime à accuser le petit fait aussi puissamment que le grand, qui voudrait vous faire sentir presque matériellement les choses qu’il reproduit; celui-là aime à rire et se plaît dans les animalités de l’homme22.

  • 23 Lettera a Jules Michelet del 26 gennaio 1861. Ibid., t. III, p. 142.

17Da una parte un lirismo innato e fortissimo, un temperamento romantico e appassionato, un amore per «lo straordinario, il fantastico», per le tinte forti, per l’esuberanza di forme e colori, per le epoche dimenticate e misteriose, per le «orge dell’immaginazione», come le definisce. Dall’altra, un bisogno di realtà, di vedere e dipingere con precisione, nitidezza, rilievo, la necessità e il desiderio di quel «sens merveilleux du Vrai qui embrasse les choses et les hommes et qui les pénètre jusqu’à la dernière fibre»23.

  • 24 Lettera a Ernest Chevalier del 1 gennaio 1831. Flaubert, Correspondance, op. cit., t. I, p. 4.
  • 25 Lettera a Louise Colet del 21 agosto 1853. Flaubert, Correspondance, op. cit., t. II, p. 407. In qu (...)
  • 26 Pozzi, Flaubert negli anni della sua formazione letteraria, op. cit., p. 23.

18Si parla addirittura di homo duplex, e i passi della sua letterina scritta a dieci anni ce lo rivelano con chiarezza. In quelle poche righe si può già notare la primissima associazione di sogno e ironia negli intenti artistici di Flaubert bambino. Nella stessa lettera, con un distacco singolare se si pensa all’età di chi scrive, egli concorda con l’amico che «le jour de l’an est bête»24. Da qui in poi, una delle esperienze fondamentali di Flaubert, unitamente a quella del rêve e della rêverie, sarà proprio la continua constatazione della bêtise «de tout ce qui m’entoure»25, sentita come la più inguaribile e allo stesso tempo ridicola miseria umana. E Antonia Pozzi non si lascia sfuggire l’importanza di queste righe, e le commenta nella tesi dicendo che da questo foglio «sembra che ci guardi un volto di bambino nei cui occhi il riso non è solo un superficiale velo di malizia, ma si allarga nella serietà pensosa di chi già calcola che quel riso gli servirà per la creazione di un mondo più suo»26.

  • 27 Come il racconto Passion et vertu, composto a sedici anni. Tutti i testi giovanili di Flaubert sono (...)

19Soltanto un mese dopo quella lettera Flaubert, non avendo forse ottenuto risposta, sollecita infatti l’amico con un’altra lettera accorata, che lascia intendere quanto la scrittura fosse dall’inizio non un passatempo, un gioco d’infanzia, ma un dovere cui sentiva di non potersi sottrarre. E da questa esigenza unita a un talento davvero molto precoce nacquero i suoi primi scritti giovanili. Dai suoi dieci anni ai suoi trent’anni compose un insieme decisamente molto denso e variegato di opere, che spaziano tra i generi letterari più in voga all’epoca: drammi, misteri, racconti storici, filosofici, pagine autobiografiche. In alcuni casi27 questi testi sono delle vere e proprie anticipazioni delle opere più note, e sono estremamente interessanti perché contengono in nuce tutto il Flaubert della maturità. La sua inclinazione al vero e al sogno, secondo la definizione di Pozzi la sua «facoltà fantastico-romantica» e quella «critico-realistica», che pervadono tutte le opere della maturità, sono già perfettamente espresse in questi suoi primi lavori.

20Nessuno di essi, come è noto, vide tuttavia la luce nel corso della vita dell’autore, fatta eccezione per il racconto Bibliomanie del 1836 e Une leçon d’histoire naturelle del 1837, prefigurazione di Bouvard e Pécuchet, che vennero pubblicati su una rivista di letteratura dell’epoca, Le Colibri. Non vennero mai da lui giudicati degni di essere dati alle stampe, e rimasero in un cassetto fino alla sua morte, quando la nipote Caroline decise di trascriverli e pubblicarli.

  • 28 Solo alcuni sono stati tradotti, ma mai l’opera nella sua interezza. In particolare, cfr. Aspettand (...)

21Se ancora adesso questi scritti sono poco conosciuti in Italia28, si pensi negli anni Trenta del Novecento, gli anni in cui Antonia Pozzi si accostò alla produzione giovanile di Flaubert, non si sa se dietro una sua esplicita richiesta o su invito del suo relatore (Antonio Banfi), che aveva intuito la necessità della studentessa di lavorare sul cammino di questo «spirito religioso dell’arte», come scrive la Pozzi nell’introduzione alla tesi, dai suoi esordi fino alla sua vetta più alta, ossia Madame Bovary. La Pozzi ha potuto consultare la produzione giovanile di Flaubert nell’edizione Conard, che dagli anni 1910 agli anni 1930 pubblica quasi tutta l’opera dello scrittore, comprese le sue lettere.

  • 29 Jean Bruneau, Les débuts littéraires de Gustave Flaubert (1831-1845), Armand Colin, Paris, 1962.
  • 30 Sergio Cigada, tra gli altri, raffinato specialista di Flaubert, nel suo Il pensiero estetico di Gu (...)
  • 31 Bruneau, Les débuts littéraires de Gustave Flaubert(1831-1845), op. cit., p. 615.

22In Italia, a quel tempo, nessuno si era ancora occupato di questi scritti, e nella stessa Francia non vi era una monografia critica dedicata esclusivamente ai lavori di Flaubert giovane; questo dà la misura di quanto il lavoro di tesi della giovane Pozzi fosse per l’epoca del tutto eccezionale. Bisognerà attendere gli anni ’60 perché veda la luce uno studio critico dedicato esclusivamente a questi scritti, il testo di Jean Bruneau29, ancora oggi lo studio di riferimento sulle opere giovanili dello scrittore normanno. E proprio Bruneau citerà a più riprese nel suo volume la tesi di Antonia Pozzi, che aveva letto nell’edizione del 1940; anche altri autori e critici flaubertiani leggeranno e citeranno Pozzi nei loro studi30. In particolare Jean Bruneau, riportando, virgolettati, dei passi della tesi, dimostra di stimare il pensiero critico e analitico della poetessa, che poi include nella sua bibliografia31. Un esempio: nel capitolo dedicato all’Éducation sentimentale del 1845, Bruneau osserva che Flaubert, nel suo primo romanzo, non si è accontentato di applicare le sue nuove teorie sull’arte e sulla vita, ma le ha direttamente espresse nel testo e commenta che lo sottolinea molto giustamente Antonia Pozzi, riportando subito dopo un passo significativo della tesi:

  • 32 Ibid.

Teoricamente, le idee di Flaubert intorno all’arte sono già tutte chiarificate e sistemate nella prima Éducation sentimentale, e […] poco o nulla avranno di poi a mutare. Ma il fatto che esse siano esposte e incarnate nelle sembianze di un personaggio [Jules, protagonista chiaramente autobiografico del romanzo] costituisce già di per sé una gravissima smentita alla teoria che la regge32.

  • 33 Nissim, «L’incessante tensione trattenuta: il Flaubert di Antonia Pozzi», in ... E di cantare non p (...)
  • 34 Come lei stessa si dipinge nel 1926 nel suo diario (Natale 1926). Pozzi, «Diari», in Poesia che mi (...)

23Nell’accostarsi per la prima volta all’opera di Pozzi ci si rende immediatamente conto dell’impegno e del rigore, nonché del valore delle sue analisi; l’autrice aveva preso in esame tutti i testi di Flaubert fino a Madame Bovary, ricostruendo il contesto culturale dell’epoca, le influenze letterarie e filosofiche, dando prova di una solidissima conoscenza «della letteratura e della cultura francese che precede o sta attorno» all’opera del suo soggetto di studio, «conoscenza della quale non abusa mai, ma che sa utilizzare per illustrare in modo convincente il clima culturale che insieme spiega Flaubert e ne illumina la novità grandissima»33. Vorremmo citare le parole del suo relatore, poste nella premessa alla prima edizione della tesi, e riportate anche nell’edizione del 2013. Banfi, che nei molti colloqui con Antonia dedicati alla scelta dell’argomento di tesi aveva intercettato nella giovane allieva traboccante di sensibilità, «palpitante, ridente, nostalgica, appassionata»34, l’urgenza di lavorare su un autore così vicino a lei per temperamento e per vocazione-dedizione alla scrittura, in prosa quella di Flaubert, in versi quella della Pozzi, scrive che questo è un lavoro che testimonia

  • 35 Banfi, «Premessa», in Pozzi, Flaubert negli anni della sua formazione letteraria (1930-1956), op. c (...)

l’impegno dello studio, la partecipazione commossa, la freschezza dell’intuizione immediata, l’astrattezza vibrante dell’idea, e sopra tutto quell’atmosfera di limpidità e semplicità spirituale in cui si bagnano, per i giovani, le cose, gli eventi, le anime degli uomini35.

  • 36 Ibid., p. 4. Corsivo mio.

24Egli aggiunge inoltre: «è un’opera personale di comprensione intelligente e viva. [...] Non solo di intelligenza, ma di amore»36.

25Concordiamo pienamente con l’affermazione di Banfi; l’opera di Antonia Pozzi è un’opera di intelligenza e di amore. I mesi febbrili dedicati alla stesura della tesi, discussa il 19 novembre 1935, sono ricordati da lei in una lettera all’amico fraterno Dino Formaggio nel 1937, l’anno precedente alla sua morte, in questi termini:

  • 37 Lettera del 28 agosto 1937. La vita irrimediabile, op. cit., p. 164.

Due mesi pazzeschi in cui riuscii a buttar giù una tesi, in cui — forse — c’è tutto il meglio di me, la storia e il programma — forse — della mia vita, o almeno di un aspetto della mia vita37.

26Sorprende e colpisce la parola «forse» due volte ripetuta, dubitativa, che si può interpretare come un’espressione di modestia e pudore dell’autrice pur nella consapevolezza del proprio valore. Non era solo una tesi, per Antonia Pozzi, quella su Flaubert, era la storia e il programma della sua vita.

27Arrivata al termine della stesura, scrisse a Banfi una bellissima lettera, in cui gli chiese il permesso di poter consegnare il lavoro per lei ormai concluso. E gli disse:

  • 38 Lettera del 25 settembre 1935. Pozzi, L’età delle parole è finita, op. cit., p. 205.

mi sembra ora [...] di aver raggiunto un angolo di visuale veramente mio e di star facendo (incredibile a dirsi), un lavoro non fatto prima da altri38.

  • 39 Henry James, Gustave Flaubert, L’Herne, Paris, 1998, p. 31.

28Si era dunque resa conto dell’originalità del suo saggio. Per uno studioso di Flaubert, del resto, è facile cogliere l’angolo di visuale personalissimo cui allude la Pozzi in queste righe, che ritorna a quanto detto precedentemente sulla duplice tendenza di Flaubert al sogno e all’ironia. Pensiamo infatti che negli anni in cui la poetessa preparava e portava a compimento la sua ricerca, prevaleva l’interpretazione critica, sulla scia di Emile Faguet e Henry James, di un Flaubert scisso in due parti «absolument distinctes», scrive James, di cui una è il «le sens du réel, l’autre le sens romantique»39, e questa divisione, a parere dei critici del tempo nettissima, si riscontra secondo loro in tutte le sue opere.

  • 40 Fra i critici italiani di poco successivi a Pozzi, uno dei pochi che sostiene l’importanza di non l (...)

29Spesso, troppo spesso, si legge che queste due componenti in Flaubert sono in lotta perenne, entrambe spinte dalla volontà di dominare e vincere l’una sull’altra, e si alternano con la stupefacente regolarità di due avversari di uguale forza e potenza. Le opere di Flaubert di conseguenza vengono lette come il segno di un gioco continuo di tesi e di antitesi: sull’abbandonato e delirante saint Antoine viene a imporsi il severo sforzo realistico che fruttò in Madame Bovary il capolavoro, a questo segue un romanzo di mal frenato lirismo, la nuova orgia di fantasia di Salammbô, quindi un ritorno al realismo con L’Éducation sentimentale (un po’ più venata di romanticismo, questa), poi ancora una ricaduta, con la ripresa di saint Antoine, per finire con un realismo di nuova specie, corroso e sarcastico, in Bouvard et Pécuchet. Perfino i suoi Trois contes vengono letti sotto questa chiave: il più crudo realismo (Un cœur simple), vuole la sua parte in contrasto con il più alato lirismo (La Légende de saint Julien l’Hospitalier e Hérodias)40.

30Secondo le parole di Henry James:

  • 41 James, Flaubert, op. cit., p. 31-33.

Ces deux parts de Flaubert apparaissent aussi claires que sur le dos d’une scarabée, et il fut dire qu’une telle démarcation est l’aboutissement extrême du plus intérieur des conflits. [...] la droite d’un rouge vivace, et la gauche d’un jaune franc. Opérant comme un scalpel, cette dualité permet de ranger d’un coté Madame Bovary et l’Éducation, de l’autre Salammbô et la Tentation. […] Hasardons-nous donc, pour la symétrie, à représenter avec Bouvard et Pécuchet la queue de notre insecte analogique […]. Mais alors il nous faut placer à son extrême pointe le petit volume des Trois contes, où l’imagination de l’écrivain a revêtu ses plus éclatantes couleurs41.

31Al di là della similitudine efficace, non si può oggi essere d’accordo con questa interpretazione, e del resto questo aspetto è stato ampiamente discusso, con esiti talvolta estremamente raffinati, dalla critica successiva: non c’è un Flaubert solo realista che ad un certo punto succede ad un Flaubert romantico. C’è piuttosto un Flaubert che si emancipa abbastanza presto dall’obbedienza alla scuola romantica, ma non mortifica per questo la sua natura lirica e la sua passione per l’onirico, per il mostruoso, per il fantastico.

  • 42 «Si jamais je prends une part active au monde ce sera comme penseur et comme démoralisateur», scriv (...)
  • 43 Le ultime due citazioni di Flaubert sono contenute nelle lettere del 27 marzo e del 24 aprile 1852 (...)

32E non c’è un Flaubert solo romantico, che non vede con chiarezza la realtà e le sue miserie, troppo lirico per poter svolgere una funzione di denuncia del reale, di «pensatore e demoralizzatore»42, come lui stesso si definiva. C’è piuttosto un Flaubert che, pur volendo rifiutare con forza l’etichetta di caposcuola del realismo, riesce a mettere «un corsetto» alla sua parte romantica, che bisogna «durcir du dedans» perché è troppo «sanguin, gueulard, passionné et débordant quelquefois», al fine di mantenere e sviluppare «una raillerie aiguë, une manière déliée de voir», «un côté de l’esprit fin, délié, et perspicace, relativement au comique»43.

33Non c’è, insomma, lotta e opposizione in queste due tendenze, perfettamente evidenziate dalla Pozzi nel suo lavoro analizzando vari passaggi degli scritti giovanili, ma, come lei nota, una coesistenza di due diverse direzioni che, alimentate entrambe da influssi esterni e da reazioni intime, durano affiancate per tutta la vita, senza che mai l’una venga completamente soffocata dall’altra.

  • 44 Pozzi, Flaubert negli anni della sua formazione letteraria, op. cit., p. 22.
  • 45 Albert Thibaudet, Gustave Flaubert, Gallimard, Paris, 1935 (1922), p. 89.
  • 46 Pozzi, Flaubert negli anni della sua formazione letteraria, op. cit., p. 34.
  • 47 Ibid.
  • 48 Lettera a George Sand di fine dicembre 1875. Flaubert, Correspondance, op. cit., t. IV, p. 1000. Co (...)
  • 49 Lettera a Antonio Banfi, 25 settembre 1935, Pozzi, L’età delle parole è finita, op. cit., p. 205.

34A questo riguardo lei utilizza nella tesi un’immagine a mio parere molto efficace: dice che le due inclinazioni flaubertiane al vero e al sogno sono come «due pietre che, percuotendosi a vicenda con egual forza, lasciano scaturire la scintilla, e generano quella tensione che è la sola fonte di attivi processi spirituali»44. La Pozzi fu dunque una delle prime a leggere nella doppia tendenza flaubertiana, quella che il critico Thibaudet aveva definito «la visione binoculare»45, non una lotta o un contrasto, quanto piuttosto una sintesi da cui scaturisce «la concezione di vita che nasce da questa tendenza e la concezione d’arte che ne è la conclusione»46, e fu una delle prime a evidenziare con grande abilità come entrambe «trovino posto nei primi scritti di Flaubert, assumendo via via forme e intonazioni diverse a seconda delle letture e degli influssi con cui il giovane viene a contatto»47. Anche questo aspetto pertanto rende il lavoro di Antonia Pozzi prezioso e unico nel panorama critico del tempo. Lei davvero comprese l’anima di Flaubert, scese al cuore della sua natura a partire dalle sue prime prove letterarie, senza voler a tutti i costi inserire la sua Arte in una scuola piuttosto che in un’altra, fedele in questo agli intenti di Flaubert, che rifiutava di essere definito il caposcuola di alcuna corrente letteraria. Celebre la sua affermazione: «je m’abîme le tempérament à tâcher de n’avoir pas d’école! A priori, je les repousse toutes»48. Davvero la Pozzi fece, come notava con stupore lei stessa in una lettera al suo relatore, come si è già sottolineato, «un lavoro non fatto prima da altri»49.

  • 50 Molto diverso rispetto a quello recentemente dedicatole, connotato da un più profondo radicamento c (...)

35La riedizione della tesi della Pozzi a cura di Matteo Mario Vecchio ha finalmente restituito la ricerca alla sua cifra originale, ossia depurata dagli interventi paterni: un testo che è davvero un gioiello dal punto di vista filologico e critico, ricco di una sensibilità letteraria che forse soltanto una poetessa poteva avere, in cui ogni analisi contenuta viene illuminata da una scrittura efficace e attenta, e al contempo palpitante di emozione. Si è parlato di interventi paterni perché dallo studio di Vecchio emerge che il padre della Pozzi, abile promotore dell’opera della figlia, sulla quale esercitò una volontà protezionistica e dirigenziale, e allo tesso tempo paradossalmente pubblicitaria e divulgativa, probabilmente una delle cause principali del consenso abbastanza marginale rivolto alle opere della Pozzi negli anni Quaranta del Novecento50, intervenne pesantemente anche sul testo originale della tesi, a cominciare dal titolo. La Pozzi, infatti, aveva scelto Flaubert negli anni della sua formazione letteraria (1830-1856), ma il padre cambiò il titolo nel più accattivante Gustave Flaubert. La formazione letteraria (1830-1856).

  • 51 Di queste importanti differenze tra il manoscritto originale della tesi e la prima edizione postuma (...)
  • 52 Scaramuzza, «Io sono — per forza di cose — molto flaubertiana... Flaubert tra Pozzi, Banfi e Formag (...)
  • 53 Lettera a Dino Formaggio, 28 agosto 1937, in La vita irrimediabile, a cura di Gabriele Scaramuzza, (...)
  • 54 Cf. la mia «bibliografia ragionata», in Pozzi, Flaubert negli anni della sua formazione letteraia, (...)

36Tra il manoscritto e l’edizione postuma esistono tante sottili ma interessanti differenze, come questa del titolo: per esempio tutte le occorrenze del verbo «esasperare» vengono dal padre corrette in «accentuare», quasi che egli intravedesse nella semantica del verbo una deriva morbosa che lo turbava e lo riportava alla scelta estrema della figlia. Molte note strutturali, dalle quali si evince la notevole abilità filologica dell’autrice, nonché la sua stupefacente conoscenza, oltre che di tutta l’opera di Flaubert e della letteratura francese dell’Ottocento, delle fonti, sono state dal padre drasticamente accorpate, ridotte o addirittura eliminate, seguendo un criterio che non solo non ha nulla di filologico, ma certamente non rispetta il lavoro attento e minuzioso, quasi flaubertiano della poetessa51. Gabriele Scaramuzza, in uno studio di prossima pubblicazione52, ha analizzato quanto Antonia Pozzi fosse flaubertiana nel metodo (metodo che era comune anche ai compagni e al maestro, Banfi); lei stessa diceva di essere, «per forza di cose, molto flaubertiana», dunque di non credere all’improvvisazione letteraria, all’illuminazione improvvisa, ma «al lavoro, alla dura fatica di lima e di scalpello»53. Pozzi aveva letto tutti i testi principali di critica flaubertiana, che leggiamo ancora oggi, da Dumesnil a Demorest, da Maynial a Coleman, Thibaudet, e gli italiani Croce, Lugli, Foscolo, Benedetto, Fusco, e molti altri54. Uno studio, dunque, sia metodologicamente che a livello bibliografico validissimo, ricco di sintesi e spunti talora folgoranti, che ancora oggi rende il suo scritto sugli anni giovanili di Flaubert un raffinato saggio di critica letteraria (non a caso segnalato, come già sottolineato, da Sergio Cigada e da Jean Bruneau).

Un’atmosfera vibrata di vetta

  • 55 Pozzi, Flaubert negli anni della sua formazione letteraria, op. cit., p. 8.
  • 56 Cfr. Scaramuzza, Crisi come rinnovamento, op. cit., p. 79-101.

37Uno degli aspetti che più colpisce e affascina di questa tesi, e che riteniamo centrale, è la preoccupazione dell’autrice di «non recidere il legame vitale che intercorre fra problema di vita e problema d’arte», poiché, come giustamente sottolinea, «questo legame costituisce da solo, in questo caso, il fondamento e il valore di tutta una personalità»55. Questa è certamente una preoccupazione che coinvolge insieme Flaubert e Pozzi, legati entrambi a quella tensione tra poesia e vita, che resta irrisolta nella breve esistenza della poetessa, in un gioco di specchi in cui si riflettono lei stessa, Flaubert, i suoi personaggi e le opere di entrambi56.

  • 57 Prendo in prestito questa bella espressione da Friedrich Nietzsche, in La Gaia Scienza.

38Ci pare importante, a questo proposito, mettere a confronto due immagini che ci sembra si facciano eco nella loro vicinanza reale e metaforica. Questi due grandi autori, l’uno in prosa e l’altra in versi, erano legati da una singolare affinità elettiva, «un’amicizia stellare»57, che si coglie nelle pagine della tesi della Pozzi dedicate al suo maestro.

39Scrive Flaubert negli anni più creativi della Bovary:

  • 58 Lettera a Louise Colet, 16 settembre 1853. Flaubert, Correspondance, op. cit., t. II, p. 431-432.

N’est-il pas de la vie d’artiste, ou plutôt d’une œuvre d’Art à accomplir, comme d’une grande montagne à escalader? Dur voyage, et qui demande une volonté acharnée! D’abord on aperçoit d’en bas une haute cime. Dans les cieux, elle est étincelante de pureté, elle est effrayante de hauteur, et elle vous sollicite cependant à cause de cela même. On part. Mais à chaque plateau de la route le sommet grandit, l’horizon se recule, on va par les précipices, les vertiges et les découragements. […] L’on n’a rien qu’une indomptable envie de monter plus haut, d’en finir, de mourir. […] l’on continue à tâtons, s’écorchant les ongles aux rochers et pleurant de la solitude. N’importe! Mourons dans la neige, périssons dans la blanche douleur de notre désir, au murmure des torrents de l’Esprit, et la figure tournée vers le soleil!58

  • 59 Pozzi, Flaubert negli anni della sua formazione letteraria, op. cit., p. 8.

40Questa splendida e limpida immagine dell’opera da compiere come una dura montagna da scalare trova il suo rimando in queste parole di Antonia Pozzi, scritte nell’introduzione alla sua tesi, in cui si trovano racchiusi tutto il senso dell’opera di Flaubert e, ci sembra, della storia spirituale della Pozzi. Più tormentate, forse, più angosciate e angosciose queste parole rispetto a quelle di Flaubert, e anche più oscure perché sappiamo che non le fu evidentemente possibile sottrarsi al richiamo di questo desiderio di silenzio, di quiete, di morte: chiedendosi che cosa fa sì che l’opera di Flaubert ci comunichi, oltre «all’emozione della bellezza plastica, anche tanta commozione umana»59, Antonia Pozzi aggiunge:

  • 60 Ibid.

che cosa crea, all’interno dell’opera stessa, quell’incessante tensione trattenuta che la colloca come in un’atmosfera vibrata di vetta, di spigolo, dove ogni passo è una conquista esatta e la fatica si rastrema in levità attenta, come per un gioco mortale60?

41Vibrano queste parole, nitide nella loro pregnanza sia metaforica che poetica. Lo stesso anno della stesura della tesi, il 1935, qualche mese prima della discussione, Antonia scrive una lettera a Vittorio Sereni, una lettera fra le più belle e tristi scambiate con l’amico poeta. E torna sull’immagine del gioco mortale. Gli confessa:

  • 61 Lettera del 20 giugno 1935, in Pozzi, L’età delle parole è finita, op. cit., p. 193

Vittorio, questa lettera mi sembra quasi il testamento dell’Antonia che hai conosciuta tu, il grido dell’acqua prima di cadere. E poi no, certamente no, perché io sono troppo vile per andare fino in fondo. E chi gioca è in fondo troppo serio per volere che sia un gioco mortale. Ma è questo decadere di tutta me stessa, questo franare senz’argini che mi atterrisce e non vedo nessuna salvezza61.

  • 62 Sulla solitudine e la scelta estrema di Antonia Pozzi si sono interrogati anche psichiatri e psicoa (...)

42Tre anni dopo, Antonia andrà eccome fino in fondo, e non avendo trovato un argine, una salvezza, nemmeno nell’arte, nel gioco, nell’ironia, quella che invece probabilmente salvò Flaubert, lei decise che quel gioco poteva, anzi doveva, diventare mortale. Antonia Pozzi aveva bisogno anche di altro amore, non solo di quello dell’Arte, di «un affetto fermo, costante e fedele», come ha scritto nel suo biglietto-testamento ai genitori. L’Arte sola non poté salvarla. E questo affetto fermo, costante, fedele, le mancò fatalmente62. Forse, mentre scriveva la sua tesi, aveva già intuito quale fosse il suo destino, e quasi chiedeva perdono per questo nella chiosa così stregata della dissertazione, in cui ancora una volta aveva scelto le parole di Flaubert per suggellare il suo pensiero e i suoi intenti, allora non così chiari come nel dicembre del 1938:

  • 63 La lettera che Pozzi cita è scritta da Flaubert a Louis Bouilhet il 30 settembre 1855. Pozzi, Flaub (...)

Per chi non riesce, per una sua posizione, a lottare; per chi non è capace di sacrificarsi abbastanza devotamente a un compito; per chi non sa formulare, davanti al proprio destino, una propria preghiera, saranno eternamente ammonitrici queste parole, che dicono un destino e sono una preghiera:
Noi siamo soli. Soli come il Beduino nel deserto. Bisogna che ci copriamo il viso, che ci stringiamo nei mantelli e che ci gettiamo a testa bassa nell’uragano — e sempre incessantemente — fino alla nostra ultima goccia d’acqua, fino all’ultimo battito del nostro cuore. Quando moriremo, avremo questa consolazione, di aver fatto della strada e di aver navigato nel Grande63.

Haut de page

Notes

1 Discussa nel novembre del 1935, la tesi di laurea di Antonia Pozzi sarà pubblicata col titolo Flaubert. La formazione letteraria (1831-1856), con una premessa di Antonio Banfi, Garzanti, Milano, 1940.

2 Il manoscritto originale a matita della tesi, molto tormentato e denso di correzioni e ripensamenti, si trovava fino al 2014 nell’Archivio Pozzi a Pasturo, insieme al dattiloscritto e all’intero corpus delle opere della poetessa, di cui è depositaria suor Onorina Dino. Ora l’intero Archivio Pozzi si trova presso il Centro Carlo Cattaneo dell’Università dell’Insubria di Varese (direttore scientifico Fabio Minazzi). La tesi venne pubblicata postuma dal padre nell’edizione Garzanti del 1940. Da allora, nonostante l’invito di Vigorelli in un articolo del 1989 a «rieditate il suo Flaubert», un lavoro che, scrive sempre Vigorelli, «era ben più d’una tesi di laurea, è un progetto di vita, non per sua colpa mancata» (Giancarlo Vigorelli, «Antonia Pozzi: le parole segrete che mi confidava», in Tuttolibri-La Stampa, 18 febbraio 1989, p. 4) la tesi non era mai stata ripubblicata. Matteo Mario Vecchio ha ripreso in mano il manoscritto ai fini di realizzare un’edizione critica che tiene conto delle varianti genetiche e strutturali legate al testo. Antonia Pozzi, Flaubert negli anni della sua formazione letteraria (1830-1856), premessa di Antonio Banfi, a cura di Matteo Mario Vecchio (che ha curato anche l’introduzione e la nota biografica), Ananke, Torino, 2013. Tutte le citazioni sono tratte da questa edizione.

3 Si veda a questo proposito Hélène Leroy, «Antonia Pozzi, une biographie intellectuelle», dans Les femmes – écrivaines en Italie (1870-1920), ordres et libertés, «Chroniques italiennes», 39-40, Université de Paris III, La Sorbonne, Paris, 1994, p. 139-163 (anche on line: http://chroniquesitaliennes.univ-paris3.fr/PDF/39-40/Leroy.pdf).

4 Inserita all’interno dell’edizione completa delle poesie di Antonia Pozzi, Parole, a cura di Alessandra Cenni e Onorina Dino, Garzanti, Milano 2001. Edita dapprima nel 1939, uscì con una prefazione di Eugenio Montale per Mondadori nel 1964, e venne riedita, riverificata, a cura di Alessandra Cenni e Onorina Dino da Garzanti nel 1989 (quest’opera è stata tradotta in molte lingue: romeno, tedesco, spagnolo, inglese, francese, portoghese). In lingua francese esistono due anthologie: Pozzi, La Route du mourir, traduit et présenté par Patrick Reumaux, Librairie Elisabeth Brunet, Rouen, 2009, et Laura Oliva (éd.) e L’œuvre ou la vie. «Mots» d’Antonia Pozzi/L’opera e la vita. «Parole» di Antonia Pozzi, traduction et notes par Ettore Labbate/traduzione e note di Ettore Labbate, Peter Lang, Bern, Berlin, Bruxelles, Frankfurt am Main, New York, Oxford, Wien, 2010.
Ad Antonia Pozzi è dedicato il sito: www.antoniapozzi.it, costantemente aggiornato anche nella bibliografia.

5 Vittorio Sereni, «Senso di un’esperienza», presentazione a Corrente di vita giovanile (1938-1940), a cura di Alfredo Luzi, Edizioni dell’Ateneo, Roma, 1975, p. 11-12.

6 Dino Formaggio, che come Antonia Pozzi fu allievo di Banfi, scrive che «lo si sarebbe potuto anche definire propriamente un autentico “persuasore di vita”, di un’alta ed etica vita. Antonia Pozzi, con tutto il suo male dentro, aveva lungamente portato avanti il superamento dei conflitti interiori, votandosi, fin dalla sua prima adolescenza, alla poesia, sentita come il vero e autentico “più che vita” [simmeliano], come la sacralità stessa del vivere». (Dino Formaggio, «Una vita più che vita in Antonia Pozzi», in La vita irrimediabile, a cura di Gabriele Scaramuzza, Alinea editrice, Firenze, 1997, p. 154.

7 Lettera a Vittorio Sereni, 13 agosto 1935. Pozzi, L’età delle parole è finita. Lettere 1923-1938, a cura di Alessandra Cenni e Onorina Dino, Archinto, Milano, 2002, p. 197.

8 Citato da Matteo Mario Vecchio nell’introduzione a Pozzi, Flaubert negli anni della sua formazione letteraria, op. cit., p. LVIII (e nota 57).

9 1 dicembre 1938. Pozzi, «Testamento», in L’età delle parole è finita, op. cit., p. 271-272.

10 Pozzi, L’età delle parole è finita, op. cit., p. 190-191.

11 29 gennaio 1933, ibid., p. 132.

12 Pozzi, «Sgorgo», in Parole, op. cit., p. 215.

13 Concetto illustrato mirabilmente da Fulvio Papi, Vita e filosofia, la scuola di Milano: Banfi, Cantoni, Paci, Preti, Guerini, Milano 1990, e da Gabriele Scaramuzza, Crisi come rinnovamento: scritti sull’estetica della scuola di Milano, Unicopli, Milano, 2000.

14 Moltissime le monografie e le biografie che prendono in esame questo aspetto. Tra i tanti, i fondamentali studi di René Dumesnil, Flaubert, l’homme et l’œuvre, Desclée de Browner, Paris, 1947 e La vocation de Gustave Flaubert, Gallimard, Paris, 1961. Mi permetto inoltre di rimandare a un mio studio, «Un cas spécial. Quelques réflexions sur la maladie de Gustave Flaubert», in AA. VV., Elevé dans les coulisses d’Esculape, Musée Flaubert et d’Histoire de la médecine du CHU-Hôpitaux de Rouen, Rouen, 2011.

15 Lettera del 7 ottobre 1846. Flaubert, Correspondance, t. I-V., éd. Jean Bruneau (e Yvan Leclerc per l’ultimo volume), t. I, Gallimard, Paris, «Bibliothèque de la Pléiade», 1973, p. 376.

16 Flaubert, Correspondance, op. cit., t. II, p. 362 (corsivo nel testo).

17 Si era servita dell’edizione Correspondance. Nouvelle édition augmentée, 8 voll., Conard, Paris 1926-1930 (cfr. Pozzi, Flaubert negli anni della sua formazione letteraria, op. cit., pp. LXXXVI-LXXXVII).

18 Cf. l’importante studio di Liana Nissim, il solo finora che analizza la tesi della Pozzi sotto il profilo di uno specialista di Flaubert e non sotto l’aspetto filosofico relativo alle influenze della scuola banfiana nella tesi stessa: «L’incessante tensione trattenuta: il Flaubert di Antonia Pozzi», in AA. VV., ... E di cantare non può più finire... Antonia Pozzi (1912-1938), Atti del convegno 24-26 novembre 2008 presso Università degli Studi di Milano, Viennepierre, Milano 2009, p. 133-145.

19 Pozzi, Flaubert negli anni della sua formazione letteraria, op. cit., p. 10.

20 Ibid., p. 23.

21 Lettera del 1 gennaio 1831. Flaubert, Correspondance, op. cit., t. I, p. 4. Si rispetta qui la grammatica di Gustave Flaubert bambino.

22 Lettera a Louise Colet del 16 gennaio 1852. Ibid., t. II, p. 30. Corsivo nel testo.

23 Lettera a Jules Michelet del 26 gennaio 1861. Ibid., t. III, p. 142.

24 Lettera a Ernest Chevalier del 1 gennaio 1831. Flaubert, Correspondance, op. cit., t. I, p. 4.

25 Lettera a Louise Colet del 21 agosto 1853. Flaubert, Correspondance, op. cit., t. II, p. 407. In questa lettera bêtise e rêve sono presentate come due esperienze associate, a testimonianza dell’importanza che rivestivano nella vita e di conseguenza nella creazione artistica dell’Autore: «la bêtise de tout ce qui m’entoure s’ajoute à la tristesse de ce que je rêve» (Ibid.).

26 Pozzi, Flaubert negli anni della sua formazione letteraria, op. cit., p. 23.

27 Come il racconto Passion et vertu, composto a sedici anni. Tutti i testi giovanili di Flaubert sono stati pubblicati in Flaubert, Œuvres de jeunesse, édition présentée, établie et annotée par Claudine Gothot-Mersch et Guy Sagnes, Préface par Guy Sagnes, Gallimard, Paris, «Bibliothèque de la Pléiade», 2001.

28 Solo alcuni sono stati tradotti, ma mai l’opera nella sua interezza. In particolare, cfr. Aspettando Flaubert. Quattro racconti preludio ai capolavori, a cura di Enrico Badellino, Sei editore, Torino, 2006 e Vita e lavori del Rev. Padre Cruchard e altri scritti, trad. di Chiara Pasetti, note di Yvan Leclerc, Excelsior, Milano, 2007. È in preparazione un’edizione integrale di tutti i racconti filosofici giovanili di Gustave Flaubert per le edizioni l’Orma di Roma, a cura di Chiara Pasetti, con una prefazione di Yvan Leclerc.

29 Jean Bruneau, Les débuts littéraires de Gustave Flaubert (1831-1845), Armand Colin, Paris, 1962.

30 Sergio Cigada, tra gli altri, raffinato specialista di Flaubert, nel suo Il pensiero estetico di Gustave Flaubert inserisce in bibliografia il lavoro di Antonia Pozzi Sergio. Cf. Cigada, Il pensiero estetico di Gustave Flaubert, in Contributi dell’Istituto di Filologia Moderna dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. Serie francese, vol. III, Vita e Pensiero, Milano, 1964.

31 Bruneau, Les débuts littéraires de Gustave Flaubert(1831-1845), op. cit., p. 615.

32 Ibid.

33 Nissim, «L’incessante tensione trattenuta: il Flaubert di Antonia Pozzi», in ... E di cantare non può più finire..., op. cit., p. 141.

34 Come lei stessa si dipinge nel 1926 nel suo diario (Natale 1926). Pozzi, «Diari», in Poesia che mi guardi, a cura di Graziella Bernabò e Onorina Dino, Luca Sossella editore, Bologna, 2010, p. 412.

35 Banfi, «Premessa», in Pozzi, Flaubert negli anni della sua formazione letteraria (1930-1956), op. cit., p. 3.

36 Ibid., p. 4. Corsivo mio.

37 Lettera del 28 agosto 1937. La vita irrimediabile, op. cit., p. 164.

38 Lettera del 25 settembre 1935. Pozzi, L’età delle parole è finita, op. cit., p. 205.

39 Henry James, Gustave Flaubert, L’Herne, Paris, 1998, p. 31.

40 Fra i critici italiani di poco successivi a Pozzi, uno dei pochi che sostiene l’importanza di non leggere in Flaubert una lotta fra Romanticismo, ossia «passionalità disordinata, ‘cri du cœur’, lirismo incontrollato e quindi retorica dello stile, e Classicismo (o realismo classicista), come equilibrio supremo conquistato nell’Arte, rinuncia alla propria personalità egoistica nell’obiettivo finale dell’opera, austera disciplina, quindi scrittura castigata e ferma», è Mario Bonfantini, il quale nel suo studio su Flaubert definirà la prosa di Madame Bovary un passaggio dal realismo all’impressionismo, con alcuni spunti «che oggi si chiamerebbero surrealisti». (Bonfantini, Ottocento francese, De Silva editori, Torino, 1950, p. 160 e p. 173).

41 James, Flaubert, op. cit., p. 31-33.

42 «Si jamais je prends une part active au monde ce sera comme penseur et comme démoralisateur», scrive Flaubert a Ernest Chevalier il 24 febbraio 1839. Flaubert, Correspondance, op. cit., t. I, p. 37.

43 Le ultime due citazioni di Flaubert sono contenute nelle lettere del 27 marzo e del 24 aprile 1852 a Louise Colet (Flaubert, Correspondance, op. cit., t. II, p. 62 e p. 79, corsivo nel testo). Qui Flaubert sta parlando a Louise Colet dello stile di lei, ma ciò che attribuisce alla sua amante sono in realtà caratteristiche proprie.

44 Pozzi, Flaubert negli anni della sua formazione letteraria, op. cit., p. 22.

45 Albert Thibaudet, Gustave Flaubert, Gallimard, Paris, 1935 (1922), p. 89.

46 Pozzi, Flaubert negli anni della sua formazione letteraria, op. cit., p. 34.

47 Ibid.

48 Lettera a George Sand di fine dicembre 1875. Flaubert, Correspondance, op. cit., t. IV, p. 1000. Corsivo nel testo.

49 Lettera a Antonio Banfi, 25 settembre 1935, Pozzi, L’età delle parole è finita, op. cit., p. 205.

50 Molto diverso rispetto a quello recentemente dedicatole, connotato da un più profondo radicamento critico, dovuto all’edizione della quasi totalità delle poesie, dei diari e delle lettere, privi delle correzioni e degli interventi emendatori di mani estranee.

51 Di queste importanti differenze tra il manoscritto originale della tesi e la prima edizione postuma curata dal padre della Pozzi chi scrive ha discusso a lungo con Matteo Mario Vecchio. Dalle conversazioni è stato tratto il contributo, a firma di chi scrive. Pasetti, «Antonia e i suoi maestri», Il Sole 24 Ore — Il Domenicale, 12 febbraio 2012, p. 33.

52 Scaramuzza, «Io sono — per forza di cose — molto flaubertiana... Flaubert tra Pozzi, Banfi e Formaggio», uscita prevista per la fine del 2015 in un volume collettaneo dedicato a Fabio Minazzi, Mimesis, Milano.

53 Lettera a Dino Formaggio, 28 agosto 1937, in La vita irrimediabile, a cura di Gabriele Scaramuzza, op. cit., p. 165-166.

54 Cf. la mia «bibliografia ragionata», in Pozzi, Flaubert negli anni della sua formazione letteraia, op. cit., p. LXXII-XC.

55 Pozzi, Flaubert negli anni della sua formazione letteraria, op. cit., p. 8.

56 Cfr. Scaramuzza, Crisi come rinnovamento, op. cit., p. 79-101.

57 Prendo in prestito questa bella espressione da Friedrich Nietzsche, in La Gaia Scienza.

58 Lettera a Louise Colet, 16 settembre 1853. Flaubert, Correspondance, op. cit., t. II, p. 431-432.

59 Pozzi, Flaubert negli anni della sua formazione letteraria, op. cit., p. 8.

60 Ibid.

61 Lettera del 20 giugno 1935, in Pozzi, L’età delle parole è finita, op. cit., p. 193

62 Sulla solitudine e la scelta estrema di Antonia Pozzi si sono interrogati anche psichiatri e psicoanalisti. In particolare Eugenio Borgna in molti dei suoi ultimi lavori (cfr. in part. Le intermittenze del cuore, L’attesa e la speranza e Di armonia risuona e di follia, tutti editi da Feltrinelli, Milano, rispettivamente 2003, 2005 e 2012), e Mauro Manica, che si chiede, in pagine di grande finezza e profondità analitica, «Quale psicoanalisi per Antonia Pozzi?». Cf. Manica, Intercettare il sogno, Edizioni Borla, Roma, 2014, p. 72-82.

63 La lettera che Pozzi cita è scritta da Flaubert a Louis Bouilhet il 30 settembre 1855. Pozzi, Flaubert negli anni della sua formazione letteraria, op. cit., p. 260.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Chiara Pasetti, « «Sempre così sperduta ai margini della vita reale…» », Flaubert [En ligne], 14 | 2015, mis en ligne le 15 décembre 2015, consulté le 21 juillet 2017. URL : http://flaubert.revues.org/2475

Haut de page

Auteur

Chiara Pasetti

Université de Rouen / Università Roma Tre

Haut de page